Beni Comuni

Contatta la persona responsabile del gruppo di lavoro, clicca qui.
La proposta di lavoro del GdL “Regolamento beni comuni” si articola nei seguenti punti:

  1. Il Regolamento dei Beni Comuni ha lo scopo principale di permettere, regolare e controllare “Patti di Collaborazione” fra cittadinanza attiva ed amministrazione, nella gestione e rigenerazione di beni comuni urbani, intendendoli come tutti i beni materiali, immateriali e digitali, affinché  i cittadini la riempiano con le loro proposte di patti di collaborazione, alcune delle quali probabilmente nemmeno immaginiamo. Lo scopo profondo è tutelare la città, ed i suoi luoghi di socialità, dalla speculazione, e renderli fruibili al massimo; far gestire al meglio l’esistente; dare spazio all’espressività, alle arti, alla cultura, alla socialità. Il Regolamento serve ad attivare sussidiarietà, e ad agire un nuovo rapporto fra cittadino e potere pubblico, in cui il cittadino non è recettore passivo di politiche, ma co-protagonista e co-progettatore della gestione della città.
  2. Il GdL “Regolamento beni Comuni” contribuirà alla redazione della bozza di una Delibera di Giunta, che avvii il percorso di scrittura del Regolamento all’interno degli uffici comunali e con il coinvolgimento di Assessori e Dirigenti. Oltre ad iniziare il percorso di scrittura, la delibera individuerà un gruppo di lavoro dedicato interassessorato, in direzione dell’istituzione, non appena sarà possibile, di un Ufficio comunale specificatamente dedicato alla gestione dei Patti di Collaborazione
  3. La redazione del “Regolamento dei Beni Comuni” si baserà non solo sui modelli di altre città, ma sull’esperienza empirica nel concreto del territorio padovano. A questo scopo, il GdL “Regolamento beni comuni” ha attivato e monitorato tre percorsi pilota, utili a dare indicazioni dal basso. Questi tre percorsi riguardano il Parco dei Salici, la Sala Fronte del Porto, la piazzetta Caduti della Resistenza
  4. Un’altra necessità inderogabile è quella di cominciare un lento, profondo e paziente lavoro di coinvolgimento della cittadinanza. Il Regolamento funziona sono se viene usato. Per questa ragione, si da mandato al GdL “Regolamento beni comuni” di organizzare, a nome e per conto di Coalizione, un momento di incontro, condivisione, discussione ed approfondimento. A questo incontro verranno invitati rappresentanti di città in cui il regolamento è in funzione (fra le quali si ritiene necessario invitare Bologna, Napoli e Torino). Questo incontro avrà una fase più tecnica, rivolta principalmente a funzionari comunali, ed una fase più pubblica, rivolta all’intera cittadinanza.

Per contattare la persona responsabile del gruppo di lavoro compila i campi qui sotto, verrai ricontattato al più presto.


Ho preso visione della Informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali. (richiesto)
Per leggere l'informativa sulla privacy clicca qui.